mla30
Recensioni

Antenna MLA-30

Antenna loop attiva HF

Sul finire del 2019 ho iniziato a vedere su vari canali YouTube e su gruppi Facebook filmati e articoli su una antenna loop attiva chiamata MLA-30, in cui veniva descritta come un ottimo dispositivo per la ricezione delle onde corte ad un prezzo interessante: è possibile trovarla su Amazon a circa 40€ spedita dalla Cina, arriva dopo una settimana circa.

Si tratta di un prodotto cinese, sembra assomigliare molto alla Bonito megaloop FX o ML200 , è composto da un fil di ferro che forma l’anello dal diametro di circa 90 cm connesso con delle viti a farfalla ad una scatolina stagna contenente i componenti attivi che amplificano il segnale ricevuto, in particolare viene utilizzato un amplificatore operazionale LMH6550 della Texas Instruments, resinati sia per preservalli dall’umidità e salsedine, che per forse evitare scopiazzature varie. Da questa scatolina esce da un forellino un cavo RG174 intestato con un connettore SMA.

Il cavo proveniente dall’antenna va connesso ad un altro box (biasing) che ha il compito di fornirgli corrente, si alimenta tramite un cavo USB; vi è poi l’uscita verso il ricevitore. Questo box isola la tensione proveniente dall’USB verso il ricevitore, mandandola solo verso il loop; è presente anche un trimmerino con la scritta ATT, un attenuatore quindi. Tutto questo viene fornito al momento dell’acquisto e sembra anche di buona qualità.

L’antenna permette di ricevere nel range di frequenza compreso tra 100kHz e 30MHz.
Non c’è documentazione fornita e\o sul web. Comunque andrebbe installata ovviamente lontana da ostacoli su un paletto di supporto plastico, non fornito; è comunque possibile smontarla e trasportarla facilmente per usarla fuori casa. Tutte le connessoni e cavi sono con connettori SMA, il che la rende ideale per rievitori SDR. Un led verde ben visibile, sul box di alimentazione, segnala che l’antenna è in funzione.
L’elemento verticale di sostegno del loop deve essere realizzato con matriale non conduttivo, va benissimo un pezzo di canalina in PVC da impianti elettrici per installazioni all’interno o temporanee, se si installa sul tetto consiglio l’uso di tubi in PVC da idraulica che sono più resistenti al vento e possono reggere meglio l’intera antenna.

Sui vari siti che la propongono in vendita, viene mostrato il grafico di una antenna loop accordata ideale, il cui lobo di radiazione è direzionale, cosa certamente vera con loop accordati, ma secondo me poco reale in loop del genere. Difatti durant

e le mie prove ho notato un direttività minima, come la metti la metti, riceve le stazioni con la stessa intensità di segnale.

Ponend

o l’antenna in asse orizzontale i segnali si attenuano.

Come va la MLA30?

Il tutto paragonato con un random wire di circa 15 metri e\o con antennina stilo:

La prima cosa che ho notato è il rumore che genera essa stessa, o meglio il suo Biasing Tee, ne parlerò nel paragrafo successivo…

Poi, noti che è un po’ sorda gia sopra i 10MHz, riceve poco sopra i 20MHz. QSO locali in CB ed in banda dei 10Metri sono ricevuti più o meno come con l’antenna che uso di solito.
Viceversa sotto i 2MHz sembra avere una ricezione abbastanza buona e silenziosa. Per le bande dei 40 ed 80 metri si comporta bene, le ruote dei QSO nazionali vengono ricevute bene, sono riuscito ad ascoltare durante il primo periodo di utilizzo anche stazioni statunitensi in codeste bande. Tenere presente che nel momento in cui scrivo siamo in una fase di minimo del ciclo solare, quindi scarsa propagazione.
In oltre avendola collegata ad un ricevitore multibanda IC-R20, involontariamente ho azionato la scansione e con sorpresa i ponti radioamatoriali di zona venivano ricevuti fondoscala. Qunidi se si è interessati all’ascolto con SDR o con ricevitori scanner, si può anche fare qualche ascolto VHF; durante la scansione ho notato che una radio parrocchiale locale arrivava in maniera ottima e fondoscala, con l’antenna originale invece nulla.

Una caratteristica che mi ha colpito in positivo è che non genera cross modulazioni, ossia non capita di ascoltare stazioni “in seconda armonica” alla frequenza doppia di quella portante. In caso dovesse accadere è comunque possibile agire sul trimmerino di attenuazione nel box di biasing.

Ricomprerei questa antenna? Si. Consiglieresti ad altri l’acquisto? Si, purchè la si installi all’esterno e lontana da ostacoli. Non va paragonata ad antenne per ricetrasmissioni radioamatoriali. Il rapporto prezzo prestazioni? Consderando quanto costa, direi che il rapporto prezzo/prestazioni è ottimo, non ci si aspetti però ricezioni miracolose.

In conclusione è un antenna che vale la pena avere, per il costo e per le prestazioni. Non è un antenna per radioamatori ossia per ricevere piccoli segnali lontani, ma piuttosto per BCL ed SWL che ricevono le stazioni broadcast o utility che trasmettono con potenze notevoli.
Ritengo che sia un antenna che separagonata ad un automobile sarebbe una FIAT Panda, semplice ma in alcune condizioni vince, si guardi per esempio al basso prezzo ed alle doti della Panda 4×4.
E’ un progetto su cui ci si può sbizzarrire a sviluppare modifiche per migliorarla.

Cosa non mi piace?

Ho notato è che nel box di biasing c’è un DC booster, che eleva la tensione di 5V in ingresso dalla presa USB, a 12V per alimentare l’antenna; per fare ciò uno switching nel circuito integrato deve oscillare, quando oscilla genera noise, e questo non è che piace tanto ai ricevitori. Ho letto, mi hanno chiesto, ho visto, di gente che prova a cercare di alimentarla con power bank, batterie, ecc. Il problema si risolve semplicemente alimentando l’antenna a direttamente a 12V con gli alimentatori seri e filtrati, probabilmente è stata fatta questa scelta per poterla alimentare facilmente durante le attività fuori casa, hotel, campeggi, spiagge, ecc.
E’ facile costruire schedine di biasing a 12V, basta solo filtrare la corrente continua verso il ricevitore con un piccolo condensatore. E’ possibile altresì usare la scheda di alimentazione della mini-whip, applicandogli i 12V erogati da un buon alimentatore, problema quasi risolto.

E’ possibile alimentare la MLA30 anche tramite il bias fornito da ricevitori, quali ad esempio SDRplay, sul box dell’elemento attivo è indicato che la tensione di funzionamento va da 4 a 14V.

Un altra modifica per la MLA30 sta nell’aggiunta di una resistenza di terminazione da un centinaio di Ohm scarsi, serve a renderla un po’ più lineare, essa è molto sensibile intorno ai 7MHz, rendendo probabile la comparsa di frequenze immagine delle emittenti broadcast in banda 41Mt.

Un po’ di misure e dati

Dal sito HAM SIGNAL riporto alcune misure effettuate nelle bande broadcast:

Differenze tra Peak Signal e Noise Floor (dBm), con il carattere * viene indicato il miglio rapporto:

Frequenza (kHz)MLA-30WellbrookGround Loop (preamp off)
660453850*
72057*5150
111037*2530
145064*4556
160073*4960
32201532*10
33581833*0
400533*2015
4985453948*
533030*2525
721043*3634
731038*3231
778053*5143
939564*5063
956547*3341
11775545357*
1203043*3936
1555040*2138
15730301938*
Media segnale rumore:2/19 – 11%13/19 – 68%4/19 – 21%

Classifica per rapporto segnale rumore medio:

Wellbrook ALA1530-LF 13/19 (68%)

MLA-30 2/19 (11%)

Ground Loop 4/19 (21%)

Schema elettrico MLA30

mla30 schematics

2 commenti

  • Anonimo

    Ciao Lorenzo anche io sono possessore di questa antenna e sono (ero) fino a qualche giorno fà molto soddisfatto.
    Ho scritto “ero” in quanto per mia negligenza/dimenticanza ho dimenticato di commutare l’antenna per trasmettere ed ho inviato un bell’accordo di 50watt al Biasing Tee rompendo l’alimentatore.
    Ho la certezza matematica che sia il Biasing in quanto ho provato quello di un mio amico SWL e funziona perfettamente.
    Secondo te cosa sarà potuto succedere?
    Si sarà bruciato l’integrato LMH6550 oppure altro?
    Mi conviene acquistare direttamente un’altra antenna, oppure cercare di riparare il rotto?
    Ovviamente non ne sarei capace ma c’è qualche amico “elettronico” che potrebbe farlo.
    Gradirei un tuo suggerimento.73 de IZ8KVW Guglielmo.

    • IZ0KBA

      Cosa si sia bruciato è difficile saperlo senza vedere la scheda. Il circuito-integrato che dici non si trova sul bias tee ma sull’unità esterna.
      Puoi provare ad usare la scheda di biasing di una MiniWhip, molto facile da realizzare in casa.
      73

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.