IC-R8500
Articoli

I satelliti MILSAT/SATCOM

In orbita ci sono molti satelliti per agevolare le comunicazioni, permettono di raggiungere grandi distanze ed avere una larga banda per le trasmissioni, ossia la possibilità trasmettere anche dati in grandi quantità e velocemente. La tecnologia satellitare è a tutta oggi costosa, perciò viene utilizzata soltanto per comunicazioni voci e dati da militari, o per scopi commerciali dai mass-media e grandi aziende.

Come ogni cosa in ambito elettronico-tecnologico, il tempo passa in fretta, quindi anche i satelliti invecchiano velocemente, sostituirli o rimuoverli non è semplice data la loro posizione. In particolare vi sono dei satelliti, un tempo utilizzati dall’esercito militare Statunitense, denominati MILSAT facenti parte della flotta SATCOM, che sono diventati vecchi e i loro utilizzatori sono passati ad altre tecnologie più moderne ed affidabili.
Questa flotta di satelliti MILSAT è composta da 5 satelliti ed hanno un orbita geostazionaria a circa 36000Km di altitudine sull’equatore, i loro dispositivi radio a bordo sono di tipo analogico e lavorano in UHF in un range di frequenze compreso tra 240 e 260MHz in modulazione di frequenza FM ed in chiaro, i loro ricevitori sono molto sensibili ed i trasmettitori una potenza discreta, possono ricevere con facilità segnali dalla terra e farsi ascoltare dai terrestri facilmente.

Queste caratteristiche un tempo permettevano ai militari di poter ricevere e trasmettere messaggi con facilità, ma ora vengo utilizzati abusivamente da civili per comunicazioni private.
Gli utilizzatori più frequenti di questi satelliti sembrano essere alcuni pirati radio brasiliani e russi, in misura minore anche qualche italiano, essendo disponibili più canali si sono formati diversi gruppi di utilizzatori, in stile banda CB. Su YouTube sono stati pubblicati dei video da ascoltatori europei che ricevono presunte comunicazioni militari dell’esercito russo, durante il conflitto russo-ucraino.

Guida alla ricezione

Ricevere queste trasmissioni non è particolarmente difficile, sebbene sia possibile anche con ricevitori scanner portatili in grado di ricevere la banda 240-260MHz in FM con la loro antenna in dotazione, la qualità della ricezione migliora molto se si impiegano antenne ad alto guadagno e\o direttive su ricevitori di alto livello o SDR. Il segnale non è influenzato dalla propagazione ed arriva con intensità costante durante tutto l’anno ed a tutte le ore del giorno, le trasmissioni da parte degli utilizzatori avvengono più o meno a tutte le ore, quindi si trova sempre qualcosa da ascoltare. Possono essere considerati validi test, per provare la sensibilità dei ricevitori e l’efficienza delle antenne.

Frequenza DownLinkNote
255.350MHzQSO in italiano
255.550MHz296.550MHz Uplink (portoghese)
252.150MHzSSTV
261.200MHzQSO in italiano
245.800MHz
256.950MHzLinguaggio in Russo
265.450MHz
257.600MHz
253.750MHz
253.900MHz
Guida alla ricezione

Per ulteriori info sui satelliti, leggi anche il mio articolo sui satelliti radioamatoriali.

Siti di riferimento e fonti

http://www.milsatmagazine.com/
http://www.uhf-satcom.com/
http://www.radioamatoripeligni.it/i6ibe/milsat/milsat.htm
https://it.wikipedia.org/wiki/Satcom_(telecomunicazioni)

3 commenti

  • bruno

    scusa ma invece di dire uno scatto…… parametro valido per la tua antenna, sarebbe piu’ logico dare la misura che e’ circa di 29 cm pari a circa 1/4 d’onda alla frequenda di 255.5 mhz

  • Pietro

    A parte l’ Uplink Portoghese,non vengono riportati quelli italiani ad esempio quello per il 261.200 in rx

    Se li conosci fammi sapere. Grazie:Pietro

    MOLTO interessante la tua pagina web…

    • Sig.Anonimo

      Sarebbe interessante capire COME trovare il satellite, DOVE si trova, COME puntarlo..

      Dato che è geostazionario, i dati dovrebbero essere sempre gli stessi..

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.