duga 3 panoramic
Articoli

Il radar DUGA 3

The Woodpeker – Il Picchio russo

I radioamatori e soprattuto i radioascoltatori SWL che hanno alle spalle almeno 25 anni di attività, ricorderanno che nel periodo della guerra fredda fino al 1989 era possibile ascoltare su buona parte dello spettro HF delle frequenze un ticchettio simile ad un picchio che scava nel legno. Per via del suono tipico venne battezzato dagli appassionati di radioascolto: Woodpecker (“picchio”).
Questo rumore interferiva molte trasmissioni radio in tutto il mondo, in primis le bande radioamatoriali e quindi i QSO tra radioamatori, oltre che alle trasmissioni broadcast commerciali tipo Radio Tirana, BBC, Radio Vaticana, ecc.
Esso veniva prodotto da un sistema radar oltre orizzonte (OTHR) del sistema di difesa antimissilistico Russo, e proveniva da Chernobyl, propio la cittadina Ucraina tristemente famosa per l’incidente nucleare del 1986; le emissioni del radar iniziarono nel 1967 e proseguirono fino al 1989, anno in cui fu spento, veniva ricevuto facilmente in tutto il mondo.

Dopo la fine dell guerra fredda si apprese che il nome ufficiale del sistema era Duga, che in russo significa “arco”, mentre alla NATO era già noto che seriva ad identificare un possibile lancio di missili balistici a grande distanza, l’ipotesi che fosse un sistema di comunicazione a grande distanza od un sistema per disturbare le comunicazioni radio della controparte erano poco probabili. Tuttavia il misterioso segnale fu causa di diverse congetture che portarono a ipotizzare che si potesse trattare di un impianto capace di interferire con fenomeni meteorologici, o persino capace di influenzare la psiche umana.

Si stima che il costo di realizzazione fu di circa 7 miliardi di Rubli Russi, con 60 tralicci di altezza di 150 metri, 90 di ampiezza e 900 di lunghezza, è probabilmente la più grande antenna mai costruita dall’uomo, più alto addiritura delle piramidi di Giza. Per il suo funzionamento e manutenzione erano impiegati circa 2000 uomini tra ufficiali e tecnici, la potenza elettrica richiesta era considerevole, all’incirca 10MWatt e fu quindi scelto di installare il centro radar nei pressi della centrale elettronucleare di Chernobyl. Il complesso radar è situato nelle coordinate: 51.30454°N 30.064774°E , mentre la ex centrale elettrica nucleare Vladimir Il’ič Lenin di Černobyl’ è situata una decina di Kilometri a Nord, in posizione 51°23′22″N 30°05′57″E , un elettrodotto da 330kVolt connetteva i due impianti. Gli echi radar di ritorno venivano ricevuti dall’ antenna di Lubech-1 ed elaborati in real-time dal computer K-340A.

Triangolazioni del segnale radio da parte di radioamatori stimavano il sito nei pressi di Kiev, ma non era possibile accertarne la posizione, che invece era già nota unicamente alla NATO, che aveva soprannominato l’installazione “acciaieria di Pripjat”. Il 26 aprile 1986, il giorno in cui ci fù l’incidente nella connessa centrale elettronucleare, le emissioni radio del Duga-3 vennero sospese, ed il sito fu evaquato; nelle frequenze tra i 7 e 19 MHz c’era un insolita calma. Tra i radioamatori di tutto il mondo venne il sospetto che l’incidente nucleare fosse la causa di questa temporanea interruzione, e che l’ubicazione del sistema fosse effettivamente vicino alla centrale, nella zona evaquata per il pericolo della radioattività. Difatti dopo il disastro, la stazione di trasmissione si trovò investita in pieno dal fallout radioattivo e l’intero sistema rimase attivo con potenza limitata fino al 1989 quando le trasmissioni cessarono definitivamente. Tutti i materiali, attrezzature, registri, documentazioni ed archivi furono distrutti.

Caratteristiche

Nei primi anni sessanta non vi era una rete satellitare preposta al controllo aereo, fu quindi avviato lo sviluppo del primo sistema Duga, detto Duga-1 nei pressi di Mykolaiv in Ucraina. Successivamente fu costruito nello stesso sito militare il Duga-2, capace di rilevare un lancio di testate nucleari a più di 2500 km di distanza, ma insufficiente a coprire il vasto territorio dell’Unione Sovietica, il sistema aveva comunque dimostrato la propria validità dando luogo allo sviluppo di una versione migliorata il Duga-3 che fu resa operativa a scala nazionale.

Rispetto ai suoi due predecessori il Duga-3 era caratterizzato da un array di trasmettitore ed uno di ricevitori situati reciprocamente ad una distanza di 60 km, che avevano l’effetto di migliorare le prestazione del sistema.
Esso irradiava il suo segnale verso il Nord, passando per il Polo Nord, Canada e quindi gli Stati Uniti, la via più breve e sicura per i missili con testata atomica. Il radar Duga3 poteva coprire le nove basi missilistiche di lancio USA e rilevare testate in viaggio verso l’Unione Sovietica, pochi minuti dopo il lancio, 25 minuti prima che esse colpissero l’obbiettivo, dando ai russi il tempo per attivare le contromisure.
E’stato riferito che ogni partenza degli Shuttle verso lo spazio fu rilevata dal sistema Duga3.

lobo di radiazione duga3
Lobo di radiazione Duga 3

Oltre all’impianto di Chernobyl2 c’era un’analoga stazione ricetrasmittente situata presso Komsomolsk-on-Amur nell’estremità orientale della Siberia. Era possibile con questo sistema radar, di controllare un’area che si estendeva fino a 9000 km di distanza. La città di New York dista dall’impianto circa 7500 km, mentre Roma è a soli 1700km.

Nella postazione di Chernobyl vi erano 300 trasmettitori combinati che erogavano una potenza impulsiva massima di 160 Megawatt, il guadagno totale dell’array di antenne era all’incirca 30db, quindi si superava il Gigawatt di potenza emessa EIRP. A causa della grandissima potenza impegnata, la sala controllo della struttura, posta nelle vicinanze dell’ antenna, era totalmente schermata tanto da non avere nessuna finestra, erano presenti solo porte di accesso interno. Il segnale che veniva trasmesso era una portante impulsiva modulata a 10 HZ con una larghezza di banda di 40 Khz

All’epoca, alcuni apparati ricetrasmettitori per radioamatori venivano progettati con appositi sistemi di riduzione del rumore, specifici per ridurre questo segnale battente, tipo l’NR2 del Kenwood TS950SDX, o sui ricevitori della linea Drake.

La contropare USA

Il governo americano in accordo con quello canadese, costruì intorno al 1957 a sua volta il complesso radar che chiamarono Distant Early Warnin Line , in seguito D.E.W. Line, situato nelle regioni artiche del Canada, con alcune postazioni aggiuntive situate nelle Aleutine in Alaska, nelle Isole Faroe, in Groenlandia ed in Islanda.
Concepita per individuare un attacco da parte dell’Unione Sovietica durante la Guerra Fredda. Nel giro di pochi anni grazie al massiccio impiego di missili balistici da parte dell’Unione Sovietica la DEW Line divenne rapidamente obsoleta e alcune delle stazioni radar furono abbandonate. Ciononostante il grosso degli impianti venne mantenuto operativo allo scopo di mantenere un controllo sullo spazio aereo artico e per mantenere da parte canadese la sovranità sui territori artici. Tutti gli impianti sono stati smantellati sul finire degli anni ’90.

La DEW Line era il complesso radar situato più a nord ed il più avanzato dei tre sistemi radar costruiti nel corso della Guerra Fredda che comprendevano oltre alla già citata DEW Line la Pinetree Line e la Mid-Canada Line.

Ai giorni d’oggi

Le emissioni del DUGA-3 sono cessate nel 1989, quando l’evoluzione tecnologica ha introdotto migliori sistemi di controllo dello spazio aereo, come ad esempio i satelliti. L’area inoltre fu contaminata dal fallout radioattivo a seguito del incidente occorso al reattore 4, e quindi allienata in quel periodo.

Le antenne, vicine alla centrale elettrica nucleare sono ancora in piedi, ma le autorità governative stanno pensando di smantellare l’enorme complesso poichè le strutture metalliche sono arruginite ed un eventuale crollo potrebbe creare delle vibrazioni che potrebbero arrivare fino al sarcofago che contiene il reattore danneggiato nel 1986 nell’unità 4 della centrale di Chernobyl, e smuovere polveri radioattive, o creare nuovi crolli alle strutture pericolanti.

Tuttavia, a volte è possibile ascoltare segnali radio emessi da radar molto simili a quello del vecchio DUGA-3 anche oggi (2020), segnali provenienti da Ex Repubbliche sovietiche o dal Medio Oriente. I segnali odierni hanno meno intensità di segnale ed hanno una larghezza di banda molto più ridotta rispetto il DUGA. Nei video da me realizzati vengono mostrate le emissioni dei radar Container russo e Ghadir Iraniano.

Il complotto di Černobyl’

Vennero avanzate anche alcune ipotesi, sul finire degli anni ’80, che vedevano il sistema radar come il vero responsabile del meltdown del reattore nucleare RBMK1000 , della centrale elettrica di Chernobyl, distante pochi chilometri a Nord. Nel 2015 è uscito il film documentario: Il complotto di Chernobyl – The Russian Woodpecker diretto e prodotto da Chad Gracia e con protagonista Fedor Alexandrovich , un artista ucraino che indaga sull’incidente di Chernobyl e sui suoi possibili legami con la Duga. Presentato in anteprima mondiale al Sundance Film Festival 2015, ha vinto il Gran Premio della Giuria. Nel film sono presenti molte interviste a personaggi coinvolti nell’incidente nucleare, a testimoni e a studiosi della commissione di inchiesta, oltre che ad una descrizione dell’impianto Radar. L’autore fu anche minacciato di morte.

Nel film viene detto che il Duga-3 interferiva anche le comunicazioni radio degli stessi russi tanto da disturbare gli SOS, fu spostata la frequenza di trasmissione, ma in questo modo il radar non riusciva più a passare l’Aurora Boreale nei cieli artici.
Dato che l’antenna non funzionava come previsto non avrebbe passato l’ispezione militare pianificata per i primi di Settembre 1986, ed i responsabili del progetto sarebbero stati indagati dal KGB. La pena prevista dal codice sovietico per appropiazione indebita di fondi governativi all’epoca era la pena di morte, la legge sarebbe potuta essere applicata a coloro che spesero quei 7 miliardi di Rubli Russi per la costruzione del Duga, ed essi per salvarsi, presumibilmente orchestrarono un guasto o sabotaggio alla centrale elettronucleare che alimentava il radar, tale da giustificare un interruzione temporanea o permanente dello sviluppo del radar.

Siti di riferimento e fonti

it.wikipedia.org/wiki/Duga-3

it.wikipedia.org/wiki/Distant_Early_Warning_Line

Wikipedia: Il complotto di Chernobyl (Docu-Film)

www.francescadani.com/Chernobyl/Chernobyl-Synopsis/Duga3-Antenna-Radar

www.jacoporanieri.com/blog/?p=24268

formiche.net/2016/04/incidente-di-chernobyl-fece-saltare-anche-lo-scudo-spaziale-sovietico/

3 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.